Ricerca

"Operazione natura vigilata"


"Operazione natura vigilata": guardie ecologiche nelle aree naturali protette
Si tratta di specifici servizi di vigilanza del territorio e accertamento di violazioni
comportanti l’applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie.


Le aree naturali protette della Romagna in capo all’Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità-Romagna
saranno vigilate da ben 7 Raggruppamenti delle Guardie Ecologiche Volontarie (Gev). E’ infatti stata siglat
una convenzione tra L’Ente Parchi Romagna e i Raggruppamenti Gev romagnoli, che riguarda il territorio
del Parco della Vena del Gesso Romagnola, le Riserve naturali Bosco della Frattona, Bosco di Scardavilla
e Onferno, e numerosi siti di Rete Natura 2000.

Si tratta di specifici servizi di vigilanza del territorio e accertamento di violazioni comportanti l’applicazione
delle sanzioni amministrative pecuniarie previste da disposizioni di legge o di regolamento nelle materie
previste dalle competenze assegnate all’Ente Parchi. Altre importanti funzioni saranno legate alla prevenzione,
attraverso la promozione e la diffusione dell’informazione in materia ambientale, specificatamente per la
tutela dell’ambiente naturale e la conservazione della biodiversità, la prevenzione attraverso iniziative
educative, di ricerca e monitoraggio.

"Vi è grande soddisfazione nell’aver raggiunto questo accordo con i Raggruppamenti delle Gev di Bologna,
Imola, Ravenna, Faenza, Forlì, Cesena e Rimini - afferma il direttore dell’Ente Parchi Romagna,
Massimiliano Costa
-. Una collaborazione che garantirà una maggior protezione ambientale, un controllo territoriale a tutela
dei valori ambientali e legati alla conservazione della biodivesità delle aree protette di nostra competenza
all’interno della macroarea Romagna”.

"Le Gev - chiarisce - avranno compiti di verbalizzazione e segnalazione di diverse violazioni ambientali
(ad esempio, flora protetta, raccolta funghi, caccia e pesca, norme sui Parchi e di Natura 2000 e
abbandono rifiuti), ma anche compiti preventivi ed educativi, oltre che di monitoraggio e ricerca ambientale”.
Il funzionario dell’Ente Parchi Romagna Fiorenzo Rossetti, chiarisce che "un importante contributo le
Gev lo daranno anche sul fronte della repressione del fenomeno della scriteriata circolazione con moto
e auto da fuoristrada dei sentieri del Parco e delle altre aree protette”. L’Ente Parchi Romagna garantirà
un adeguato supporto tecnico-amministrativo e il sostegno finanziario ai Raggruppamenti Gev in
convenzione, per una collaborazione a tutto vantaggio della natura della Romagna.


TRATTO DA : http://www.forlitoday.it